Nasce la rete delle scuole di Archivistica Paleografia e Diplomatica degli Archivi di Stato italiani

dal 12 maggio al 30 giugno 2021

Un viaggio lungo tutto lo stivale, isole comprese, alla scoperta del patrimonio archivistico italiano. Dedicato agli studenti delle Scuole APD, ma aperto a tutto il pubblico della rete.

Le scuole nella rete: Bari, Bologna, Bolzano, Cagliari, Firenze, Genova, Mantova, Milano, Modena, Napoli, Palermo, Parma, Perugia, Roma, Torino, Trieste, Venezia

Il progetto di collaborazione nasce dalla consapevolezza che condividere le risorse e le conoscenze acquisite negli anni dalle Scuole APD degli Archivi di Stato italiani possa costituire un vantaggio in termini di ampliamento dell’offerta didattica.
L’iniziativa, cui sovrintende la Direzione Generale Archivi, posa le sue fondamenta sull’esperienza maturata nell’ultimo anno, durante il quale si è dovuto ricorrere alla didattica a distanza. Una minaccia esterna, la pandemia, è stata trasformata in opportunità: essa ha infatti permesso di riflettere sulla possibilità di sfruttare i vantaggi offerti dalla formazione condivisa in modalità telematica, anche quando l’emergenza sanitaria sarà passata e si potrà tornare alle lezioni in presenza.
Uno dei punti di forza della creazione della rete delle Scuole è l’ottimizzazione delle risorse dei diversi Istituti e la possibilità di mettere in comune le varie iniziative didattiche, sfruttando le nuove tecnologie, dando in questo modo la possibilità agli allievi di tutte le Scuole italiane di seguire lezioni anche dei docenti di altri Istituti.
In una prima fase, considerata l’attuale impossibilità di prevedere visite in altri Archivi, la rete delle Scuole ha organizzato un ciclo di lezioni che illustreranno la storia e il patrimonio di sette Istituti, approfondendo il contenuto di uno o più fondi considerati caratterizzanti ciascun Archivio di Stato.
Ogni lezione sarà tenuta da docenti di una singola Scuola e potrà essere seguita, attraverso i canali social dei diversi Istituti, da tutti gli allievi delle Scuole APD e dal pubblico della rete.
Il ciclo di conferenze sugli Archivi di Stato partirà il 12 maggio 2021 alle ore 15, con la presentazione, organizzata da tutte le scuole, del progetto di rete delle scuole di Archivistica Paleografia e Diplomatica. Aprirà l’incontro, che inaugura il ciclo di seminari, il Direttore Generale Archivi, Anna Maria Buzzi.
Subito dopo inizierà la conferenza della prima scuola, quella dell’Archivio di Stato di Milano, con la presentazione del documento in pergamena più antico degli Archivi di Stato italiani, che proprio il 12 maggio festeggerà 1300 anni di vita. Dopo una breve presentazione dell’Istituto da parte del Direttore Benedetto Luigi Compagnoni, la Cartola de accepto mundio sarà esaminata da alcuni studiosi sotto diversi punti di vista. Luca Fois (Università degli Studi di Pavia) parlerà di come un documento riguardante una vicenda tutto sommato personale e priva di un'importanza storica generale sia giunto ai giorni nostri e di come nel corso dei secoli sia stato considerato e utilizzato a prescindere dal suo contenuto; Emanuela Fugazza (Università degli Studi di Pavia) si occuperà della ricostruzione del contesto giuridico di appartenenza del mundio, il diritto longobardo. Antonio Ciaralli (Università degli Studi di Perugia) analizzerà la scrittura del documento, mentre Maddalena Modesti (Università degli Studi di Bologna) rifletterà sull'edizione del documento nelle Chartae Latinae Antiquiores, evidenziando i criteri utilizzati e le novità.
L’iniziativa proseguirà ogni mercoledì alle ore 15 fino al 30 giugno 2021, con le lezioni di alcuni docenti delle Scuole di Bari, Bologna, Venezia, Firenze, Roma, Napoli e Genova, aperte a tutti.

Visualizza la locandina.


Giornata nazionale del paesaggio - 14 marzo 2021

Il Veneto visto attraverso l'obiettivo del fotografo Borlui

Per la giornata nazionale del paesaggio del 14 marzo 2021, l’Archivio di Stato di Venezia pubblicherà sulla propria pagina social Facebook un post con due immagini del Lido di Venezia e della laguna di Venezia ed un Feed su Instagram della veduta aerea di Conegliano e di Vittorio Veneto e della veduta del litorale di Caorle del fotografo Borlui (Luigi Bortoluzzi).

Borlui era un operatore dell’Agenzia Fotografica Internazionale (poi Industriale), fondata nel 1942, acquisita nel dopoguerra dall'Editoriale Veneta proprietaria del quotidiano “Il Gazzettino”. Nato nel 1908, dopo oltre cinquant'anni di attività professionale Borlui morì novantenne nel 1998; il suo archivio fotografico è quantificabile in circa 200.000 negativi.

Nel 2009 il Ministero della Cultura ha acquisito dagli eredi il fondo, da allora conservato presso l'Archivio di Stato di Venezia.


Trilogia per la festa della donna

6, 8 e 11 marzo 2021

In occasione della Festa della donna (Giornata internazionale dei diritti della donna), l'Archivio di Stato di Venezia propone una trilogia:

- un primo appuntamento, realizzato con Rai 3 Veneto grazie alla sensibilità del giornalista Luca Colombo, dedicato alle donne eccellenti che hanno lasciato una traccia delle loro scelte coraggiose, tra le quali Elena Cornaro Piscopia, prima laureata al mondo nel 1678, in onda sabato 6 marzo 2021, ore 11.00, nella trasmissione nazionale Tgr Bellitalia (Aprire il link interno in una nuova finestralink alla puntata);

- un secondo appuntamento lunedì 8 marzo 2021, con la diffusione di un documento del 1373 che testimonia l’ingegno e la capacità imprenditoriale di due donne – Uliana e Caterina, entrambe vedove – che fondano una società per fabbricare profumi e iniziano un’avventura straordinaria nel commercio veneziano del XIV secolo;

- un terzo appuntamento, giovedì 11 marzo, ore 16.00, per un incontro a più voci con Melania Mazzucco, Anna Bellavitis e Francesco Dal Co, dedicato in particolare a due figure di spicco del panorama culturale italiano e veneziano tra Seicento e Novecento: Plautilla Briccia e Nani Valle, unitamente ad altre protagoniste. La lezione, svolta nell’ambito delle attività della Scuola di archivistica, paleografia e diplomatica, sarà aperta al pubblico e trasmessa in diretta YouTube. Il titolo è L'architettrice, l'architetta e protagoniste rimosse, sarà coordinato da Alessandra Schiavon e introdotto da Gianni Penzo Doria e da Tiziana Lippiello (Aprire il link interno in una nuova finestralink alla registrazione).

Visualizza il programma.