Archivio di Stato di Venezia - Campo dei Frari, San Polo, 3002 - 30125 Venezia - tel. 041.5222281 - fax 041.5229220 - e-mail: as-ve@beniculturali.it
Foto aerea del complesso monumentale dei Frari
icone MIBAC DGA UNESCO
Novità
14/11/2019
ACQUA ALTA – Aggiornamento (14 novembre 2019) –
Sono attualmente in corso i lavori di pulizia e ripristino dei locali invasi dall’acqua alta nei...
13/11/2019
Sospensione del prelievo di materiale dal deposito della Giudecca
A causa del perdurare del maltempo, il servizio di prelievo del materiale archivistico conservato...
13/11/2019
CHIUSURA TEMPORANEA DELLA SALA STUDIO PER ACQUA ALTA
A causa del persistere delle condizioni meteorologiche avverse e del fenomeno dell’acqua alta,...
12/11/2019
CHIUSURA TEMPORANEA DELLA SALA STUDIO PER ACQUA ALTA.
Accertata la marea eccezionale e il fenomeno dell’acqua alta, anche al fine di tutela del...
06/11/2019
Fotoriproduzione di beni archivistici con mezzi propri da parte degli utenti
In armonia con la normativa vigente in materia di tutela dei beni culturali, in particolare...

  

    

27/06/2019

Francesco Morosini 1619-1694. Una vita veneziana

Mostra documentaria (29 giugno-15 settembre 2019)

Sabato 29 giugno 2019, alle ore 11.15, verrà inaugurata, nella sede dell’Archivio di Stato di Venezia in Campo dei Frari, la mostra documentaria Francesco Morosini 1619-1694. Una vita veneziana.

La mostra, a ingresso libero e gratuito, resterà aperta fino al 15 settembre con orario 11.00 - 17.00 dal lunedì al venerdì.

Francesco Morosini (1619-1694) fu uno degli ultimi grandi “capi da mar” espressi dalla Repubblica di Venezia. Tra altre imprese, dopo le alterne vicissitudini della guerra di Candia (1645-1669) riuscì, a partire dal 1684, a conquistare al Sultano il Peloponneso (la “Morea”), tanto da ricevere alti riconoscimenti mentre era ancora in vita e l’appellativo di Peloponnesiaco. Eletto doge nel 1688, morì dopo qualche anno a Nauplia in Grecia, mentre era al comando delle forze veneziane.

La mostra documentaria dell’Archivio di Stato, curata da Andrea Pelizza, è frutto della ricerca originale del curatore e dei funzionari archivisti Giovanni Caniato, Michela Dal Borgo, Alessandra Schiavon ed Eurigio Tonetti. Tramite la ricchissima documentazione conservata in Archivio di Stato è possibile ricostruire e illustrare le varie fasi della vita pubblica e privata del Peloponnesiaco nel contesto veneziano e internazionale del suo tempo, affiancandovi, ad accompagnare il percorso, una serie di mappe e disegni tratti dal corpus cartografico esistente nell’Istituto.

A una proposta di documenti originali relativi a Francesco Morosini, presentata nell’Aula di paleografia, si abbina nel chiostro della SS.ma Trinità un itinerario visivo volto a illustrare le vicende belliche e diplomatiche che coinvolsero la Repubblica Serenissima nella seconda metà del XVII secolo.

La mostra dell’Archivio di Stato si inserisce nel contesto delle celebrazioni che ricordano il quarto centenario della nascita di Francesco Morosini, coordinate dall’apposito Comitato, al quale hanno aderito le principali istituzioni culturali veneziane, sotto la presidenza del generale CdA della Guardia di Finanza B. Buratti. La mostra documentaria si ricollega idealmente alle esposizioni morosiniane contemporaneamente realizzate dal Museo Correr a Palazzo Reale e dalla Guardia di Finanza e Università Ca’ Foscari nella sede di San Polo.

La mostra si avvale dell’importante sostegno di Camera di commercio di Venezia e Rovigo, Autorità di Sistema Portuale del Mare Adriatico Settentrionale, Fondazione di Venezia.

Hanno fornito il loro fondamentale contributo per il restauro dei dispacci spediti da Francesco Morosini a Venezia mentre esercitava la carica di capitano generale da mar il Comitato austriaco Venedig lebt, la Fondazione Svizzera Pro Venezia e The Venice in Peril Fund, nell’ambito dell’Associazione dei Comitati Privati Internazionali per la Salvaguardia di Venezia.

Scarica il comunicato, la locandina e la cartella immagini.