Archivio di Stato di Venezia - Campo dei Frari, San Polo, 3002 - 30125 Venezia - tel. 041.5222281 - fax 041.5229220 - e-mail: as-ve@beniculturali.it
Foto aerea del complesso monumentale dei Frari
icone MIBAC DGA UNESCO
Novità
12/04/2021
Penzo Doria delegato in UNI dal Ministro dell'Università e della Ricerca
Il Ministro dell'Università e della Ricerca, Cristina Messa (ex Rettore dell'Università degli Studi...
02/04/2021
1600 anni di Venezia: una burla è una cosa seria, come la ricerca storica
Oggi non ci sarà il convegno sui documenti inediti per i 1600 anni. Con la Biblioteca...
31/03/2021
I nostri studenti al lavoro in Archivio per l'Università di Exeter
Oggi sono iniziati i lavori in Archivio del progetto Average – Transaction Costs and Risk...
29/03/2021
Le origini di Venezia
Conferenza, 2 aprile 2021, ore 10.30
26/03/2021
Nuovo caso COVID19
Poco fa in Istituto è stato accertato un caso Covid-19 positivo e un altro probabile è in...

  

    

08/03/2021

Il Veneto in zona arancione, l'Archivio resta aperto

Nella crisi pandemica mantiene il suo ruolo di "presidio culturale"

Le nuove disposizioni del Ministero della salute, entrate in vigore oggi, comportano il passaggio del Veneto in zona arancione.

Questa misura, dovuta all'aggravarsi della crisi pandemica, stabilisce, ai sensi del DPCM 2 marzo 2021, che vengano nuovamente sospesi le mostre e i servizi di apertura al pubblico dei musei e degli altri istituti e luoghi della cultura, tra cui i musei e le gallerie statali che erano stati riaperti nel corso del mese di febbraio. 

In questo contesto, però, esistono delle strutture culturali che comunque mantengono una piena operatività: dal 3 dicembre 2020, infatti, è stato stabilito che, con le biblioteche, anche gli Archivi di stato, dipendenti dal Ministero della cultura, rimangano aperti al pubblico e accolgano nelle sale di studio i frequentatori, fermo restando, ovviamente, il rispetto delle misure di contenimento dell'emergenza epidemica.

L'Archivio di Stato di Venezia svolge questo ruolo di "presidio culturale" ricevendo quotidianamente - tramite un apposito servizio di prenotazione e in maniera contingentata - gli studiosi e i ricercatori che desiderano consultare la preziosa documentazione conservata, e mantiene un servizio di ricerca per corrispondenza con quanti necessitino di informazioni per instradare la propria indagine sui documenti, anche con notizie, documenti, conferenze ed eventi aperti a tutti nei nostri canali istituzionali (sito web, YouTube, Facebook e Instagram).