Archivio di Stato di Venezia - Campo dei Frari, San Polo, 3002 - 30125 Venezia - tel. 041.5222281 - fax 041.5229220 - e-mail: as-ve@beniculturali.it
Foto aerea del complesso monumentale dei Frari
icone MIBAC DGA UNESCO
Novità
02/04/2021
1600 anni di Venezia: una burla è una cosa seria, come la ricerca storica
Oggi non ci sarà il convegno sui documenti inediti per i 1600 anni. Con la Biblioteca...
31/03/2021
I nostri studenti al lavoro in Archivio per l'Università di Exeter
Oggi sono iniziati i lavori in Archivio del progetto Average – Transaction Costs and Risk...
29/03/2021
Le origini di Venezia
Conferenza, 2 aprile 2021, ore 10.30
26/03/2021
Nuovo caso COVID19
Poco fa in Istituto è stato accertato un caso Covid-19 positivo e un altro probabile è in...
25/03/2021
Venezia 1600
L'Archivio di Stato di Venezia non partecipa direttamente ai lavori del Comitato organizzatore e...

  

    

25/02/2021

Sbloccati fondi per oltre 4 milioni di euro

Il 2021 sarà un anno di novità molto importanti

Grande fermento per le attività dell'Archivio di Stato di Venezia, tanto che il 2021 sarà un anno di novità molto importanti. Infatti, si è aperta una stagione di restauri e di ammodernamenti su vari fronti. Dopo anni, sono stati finalmente sbloccati i lavori di restauro e di messa a norma, con finanziamenti per oltre 4 milioni di euro.

Abbiamo cinque cantieri aperti. Infatti, in questi giorni nella sede monumentale dei Frari sono già avviati importanti cantieri che restituiranno ai depositi e alla fruizione alcuni spazi di straordinaria bellezza, come il chiostro di Sant’Antonio e il Refettorio d’inverno. Sono in corso anche interventi di sostituzione e di manutenzione alle centinaia di finestre del convento (oltre 1.200!) e della prestigiosa sala Regina Margherita.

Non mancano, ovviamente, gli interventi per la sicurezza delle persone e del patrimonio. Sono, infatti, in corso i lavori per la manutenzione dei parafulmini, degli impianti di videosorveglianza e antincendio.

Grazie al Segretariato Regionale BBCC (Renata Casarin, Alberto Lionello e Rita Berton) e alla Soprintendenza alle belle arti (Emanuela Carpani e Maria Rosaria Gargiulo).