Archivio di Stato di Venezia - Campo dei Frari, San Polo, 3002 - 30125 Venezia - tel. 041.5222281 - fax 041.5229220 - e-mail: as-ve@beniculturali.it
Foto aerea del complesso monumentale dei Frari
icone MIBAC DGA UNESCO
Novità
06/11/2020
Un pezzo di storia di Venezia è tornato a casa
Grazie a un intervento del Arma dei Carabinieri del Nucleo di tutela del patrimonio culturale di...
04/11/2020
DPCM 3 novembre 2020
Sospensione dei servizi al pubblico
26/10/2020
Scuola di archivistica, paleografia e diplomatica
Pubblicato il calendario del II anno 2020-2021
20/10/2020
Scuola di archivistica, paleografia e diplomatica
Elenco degli ammessi al 2° anno del biennio 2019-2021
19/10/2020
Rinviata la messa di esequie per ricordare Maria Francesca Tiepolo
Con vivo rammarico l'attuale situazione sanitaria suggerisce di differire ad altra data la Messa di...

  

    

11/10/2019

Domenica di carta 2019. Programma

 

In adesione all'iniziativa Domenica di carta, promossa dal Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo all'interno del Piano di valorizzazione 2019, l'Archivio di Stato di Venezia organizza l'apertura straordinaria al pubblico della propria sede, l'antico convento di Santa Maria dei frari, nella giornata di domenica 13 ottobre, dalle 10.10 alle 13.50.

 

Sono previste visite guidate ad alcune sale dei depositi che conservano, nelle antiche celle e lungo i corridoi della soppressa comunità francescana, la documentazione archivistica prodotta nel corso dei secoli dagli uffici della Serenissima e dei governi successivi, nonché dagli enti ecclesiastici e istituti monastici e conventuali, dalle corporazioni di arti e mestieri, e ancora gli archivi catastali e notarili e privati, di persone o famiglie.

 

L'iniziativa prevede anche due visite guidate all'esposizione documentaria, appositamente organizzata per l'evento, dedicata al tema: Le carte della coesistenza. Albanesi, Armeni, Ebrei, Greci, Tedeschi e Turchi nei documenti della Serenissima.

 

Verranno esposti alcuni tra i documenti più significativi - conservati in originale in pergamena o disegnati su carta ad acquarello - che attestano storie di emigrazioni e di accoglienza, di fughe di massa di popolazioni incalzate dalla guerra e di nuovi insediamenti nella città lagunare e nei suoi territori, di integrazione sociale, economica, religiosa.

 

Dal Fondaco dei Turchi a quello dei Tedeschi, da calle degli Albanesi al ghetto, dal campo Do' mori all'isola degli Armeni, la toponomastica stessa della città ci restituisce un patrimonio di storie e di civiltà, che i documenti dell'Archivio di Stato di Venezia contribuiscono a valorizzare.

 


 

Le visite si svolgeranno con le seguenti modalità:

 

visita guidata ai depositi monumentali, ore 10.20-11.00, a cura di Andrea Erboso e Stefania Saviane

 

visita guidata ai depositi monumentali, ore 11.30-12.10, a cura di Mara Bernardelli e Alessandra Schiavon

 


 

visita guidata all'esposizione documentaria, nella Sala di studio, ore 10.30-11.20 a cura di Alessandra Schiavon

 

visita guidata all'esposizione documentaria, nella Sala di studio, ore 12.10-13.0o a cura di Andrea Erboso

 


 

Le visite guidate ai depositi monumentali richiedono la prenotazione obbligatoria,

 

i gruppi non potranno superare il numero di 25 persone

 


 

Leggi il Initiates file downloadcomunicato