Archivio di Stato di Venezia - Campo dei Frari, San Polo, 3002 - 30125 Venezia - tel. 041.5222281 - fax 041.5229220 - e-mail: as-ve@beniculturali.it
I depositi monumentali. Particolare delle crociere
icone MIBAC DGA UNESCO
Novità
19/04/2021
Anche il nostro Direttore parteciperà al doppio incontro organizzato dal Comune di Jesolo
La Città di Jesolo celebra i 1600 anni della Serenissima con la rassegna di incontri...
12/04/2021
Penzo Doria delegato in UNI dal Ministro dell'Università e della Ricerca
Il Ministro dell'Università e della Ricerca, Cristina Messa (ex Rettore dell'Università degli Studi...
02/04/2021
1600 anni di Venezia: una burla è una cosa seria, come la ricerca storica
Oggi non ci sarà il convegno sui documenti inediti per i 1600 anni. Con la Biblioteca...
31/03/2021
I nostri studenti al lavoro in Archivio per l'Università di Exeter
Oggi sono iniziati i lavori in Archivio del progetto Average – Transaction Costs and Risk...
29/03/2021
Le origini di Venezia
Conferenza, 2 aprile 2021, ore 10.30

  

    

Patrimonio documentario - Guida on-line SiASVe



A seguito della dismissione di Flash Player gli inventari in immagine (NON i pdf) non sono più visualizzabili online; il problema sarà a breve risolto con la migrazione di SIASVe-Sistema informativo dell'Archivio di Stato di Venezia su una nuova piattaforma. 

Nel frattempo, gli utenti che avessero necessità di consultare un inventario possono scrivere all'indirizzo di posta elettronica as-ve@beniculturali.it, indicando nell'oggetto dell'e-mail "CONSULTAZIONE INVENTARIO + n. dell'inv." d'interesse e sarà nostra cura inviarlo.


   

Link rapido alla Guida on-line SiASVe.


I fondi archivistici conservati nell'Archivio di Stato di Venezia sono stati descritti a più riprese dall'Ottocento fino ai tempi più recenti. Nell'arco di quasi due secoli, sono progressivamente aumentati i versamenti, i depositi e i doni di interi fondi, serie o nuclei di documenti.

L'esigenza di dare conto della vastità e della ricchezza del patrimonio documentario conservato nei depositi dei Frari ha prodotto a più riprese diverse descrizioni generali di tutti i fondi, a partire dalla seconda metà dell'Ottocento, alle più complete e autorevoli guide del Da Mosto (1937-1940) e della Guida generale (1994), fino al censimento informatizzato dei fondi, iniziato nell'autunno del 1997 e oggi confluito nel sistema informativo, in corso di progressivo ampliamento.

Gli inventari sono stati elaborati in gran parte nei decenni successivi all'Unità d'Italia, sulla spinta dell'urgenza e della necessità di mettere a disposizione nel più breve tempo possibile le fonti mano a mano che venivano acquisite. Numerosi strumenti di ricerca sono stati prodotti lungo tutto il Novecento.

Gli strumenti di corredo (tra inventari, elenchi, indici, schedari) raggiungono oggi le ottocentosettanta unità. Alcuni archivi sono ancora privi di inventario, altri presentano più di uno strumento di ricerca; in alcuni casi, esistono inventari o indici di singole serie, o un'edizione di fonti, mentre manca ancora l'inventario generale del fondo. In tempi recenti, si è intensificata l'attività di inventariazione e ricondizionamento, anche in relazione all'esigenza di far fronte a vaste operazioni di spostamento nei depositi.

Nel dicembre 2006 è stato messo a disposizione del pubblico il nuovo Repertorio dei fondi e degli strumenti di ricerca, stampato in forma tradizionale su carta, oggi disponibile anche on-line nella Guida al patrimonio documentario - Sistema informativo dell'Archivio di Stato di Venezia.


 

Link rapidi:



| Home |